Le Associazioni

Circolo Culturale Setina Civitas

Noi di Setina Civitas ci impegniamo a sostenere tutti i valori del paese e a cooperare 

con chiunque voglia sostenere e promuovere Sezze, nel rispetto e nella considerazione reciproca.

Documenti Sociali

Logo Setina Civitas  

Beni Archeologici

Dieci anni di Portale

SEZZE sulle tracce di Ercole

La Cornucopia

Accademia Abbozzati

Museo dell'Emigrazione

Il DVD della Sagra

Premio Dojokun 2008

Luigi De Angelis - il libro

Comunità immigrate

Taviano 2007

Carta dei Valori del Volontariato

Sagra del Carciofo

Cineforum 2007

Oltre il Disagio

Difesa dei beni archeologici

Rinascita di Sezze

La Via Setina

Città dei Giovani

Difendiamo la nostra cultura

Riqualificazione partecipata

Questioni di STILe

Giorni di Passione

Tributo De André

Sezze Rock Festival

info@setino.it

Sezze, 28 novembre 2015

Setino.it compie 15 anni

Dopo 15 anni giungere alla conclusione che nessun amministratore di Sezze ha mai tenuto in considerazione l'Articolo 9 della Costituzione Italiana, lasciando che il degrado prendesse piede su tutto il territorio comunale, mettendo così a rischio la memoria e l'identità stessa della comunità, non da più adito a scuse o a attenuanti sul giudizio pesantemente negativo da dare a chi ha governato Sezze.
Stracolma di beni e valori assoluti, Setia plena bonis , questo paese da sempre nutre i suoi figli come nessun altro territorio al mondo sa fare. Ma chi ci ha amministrato ha fatto sempre credere di trovarci in uno stato di precarietà, di indigenza civica, trasformando il diritto di cittadinanza in favore e riducendo la legalità, il buonsenso e il sentimento universale di ciò che è giusto in una mera opinione. Non è così: le regole sono fatte per essere rispettate, e gli amministratori hanno il dovere di farle rispettare, anche nel loro significato più profondo.
COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
Art. 9 La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.


Sezze, 9 giugno 2014

Setino.it arriva a quota 1.000.000 di visitatori

Un traguardo importante, quello del milionesimo visitatore per setino.it che continua a crescere e a raccogliere il consenso dei cittadini di Sezze e non solo. Ritenuto dai ricercatori dell'Università La Sapienza di Roma il mezzo di comunicazione preferito dagli utenti dei Monti Lepini nel lavoro Giovani e Patrimonio Culturale esposto a Priverno il 10 marzo del 2014, Setino.it oggi è più di un semplice punto di incontro. Per molti sta diventando un punto di riferimento che spesso si distingue per coerenza e obbiettività soprattutto nell'affrontare i temi legati alla cultura e allo sviluppo economico di questo territorio. L'importante traguardo è stato dedicato a Antonella Ceccano, da poco scomparsa, che attendeva il momento come utente assiduo ed affezionato ai temi trattati su Setino.it 


Sezze, 9 ottobre 2012

Il logo del gruppo: In difesa dei Beni Archeologici

Da alcune settimane sono ripartiti i lavori del gruppo "In difesa dei Beni Archeologici" nato nel settembre del 2004 intorno al progetto di "Riqualificazione della Via Setina" e a cui oggi aderiscono il Circolo Lepino Legambiente, Coldiretti, Associazione CON-TATTO e il Circolo Culturale Setina Civitas . L'obiettivo del gruppo è quello di impedire che il patrimonio culturale presente sul territorio del comune di Sezze venga completamente dimenticato. Domenica 7 ottobre al riparo Roberto e alla vicina grotta Iolanda, dove agli inizi degli anni '50 grazie alle ricerche dell'antropologo Marcello Zei sono state trovate tracce dell'uomo risalenti al Neolitico ed al Mesolitico, c'èrano ben 38 persone provenienti da tutta la provincia.  

Il calendario delle escursioni, aperte a chiunque voglia partecipare, prevede la visita a tutti i maggiori siti dove, dalla preistoria all'epoca romana, le tracce dell'uomo hanno lasciato dei segni indelebili sul nostro territorio.  

Tra questi quello riportato qui sopra può a ragion veduta essere adottato come logo dell'impresa e quindi del gruppo "In difesa dei Beni Archeologici".

Scoperto dal paleontologo Alberto Carlo Blanc nel 1936, il dipinto rupestre del cosiddetto "Uomo a fi greca" è stato il primo esempio in Italia rinvenuto alle pendici della collina dove oggi sorge Sezze. Il sito, che presto sarà metà di una delle nostre escursione, è chiamato Arnalo dei Bufali

La figura ritratta è simile alla lettera greca j ed è alta 28,5 cm e larga 22,0. 

Per molti anni è stata esposta al Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini di Roma - Piazza Guglielmo Marconi 14 EUR.

Oggi non è più visibile e nessuno sa di sicuro dove si trova. Proprio come accade per tutti i "tesori" oggetto delle nostre visite, è stato completamente dimenticato dalle autorità locali che evidentemente non hanno la nostra stessa considerazione del patrimoni culturale del paese.

Il quadro "L'alba dell'umanità" del pittore Franco De Franchis descrive bene la scena a cui avrebbe potuto assistere un "Setino del Mesolitico".


Sezze, 23 marzo 2012

Accademia degli Abbozzati: presentazione del libro di A. Bernasconi

Il Circolo Culturale Setina Civitas, sempre alla ricerca di nuovi punti di riferimento culturali da restituire alla comunità setina, presenta il libro “L’Accademia degli Abbozzati - Colonia Arcadica Setina”. L’opera è frutto del lavoro di ricerca della Dottoressa Arianna Bernasconi iniziato con la tesi di laurea nel 2003 e portato a termine nello mese di settembre 2011.

Arianna Bernasconi ricopre la carica di Segretario del Circolo Culturale Setina Civitas con il quale ha partecipato alla realizzazione dei maggiori progetti dello stesso, tra cui il libro di promozione turistica “La Cornucopia, il tesoro di Sezze” e il video documentario “Sezze, sulle tracce di Ercole”.

Fa parte del Consiglio Direttivo dell’Associazione della Passione di Cristo dove si occupa dell’organizzazione e allestimento dell’evento “Sacra Rappresentazione”.

Per ultimo, ma non per importanza, è membro fondatore del Gruppo Folkloristico “I Turapitto”. Questo a testimonianza dell’impegno sociale ed attaccamento al proprio paese.


Sezze, 14 gennaio 2012

Tributo De André - Sezze 2003 - 2012  dieci anni di Tributo

E come è stato per le precedenti edizioni anche la decima è stata unica ed irripetibile. Così, davanti ad un auditorium gremito di appassionati e con tante persone che non hanno trovato posto nella sala, sabato 14 gennaio 2012 a Sezze si è ripetuta la magia che ha caratterizzato tutte e dieci le edizioni del Tributo, quella di far sentire anche solo per un istante la presenza del cantautore genovese tra noi. 
Setina Civitas ringrazia tutti gli amici e quanti hanno collaborato a vario titolo per esserci stati vicini, ma questa volta l' appuntamento non è alla prossima edizione, infatti con la serata di sabato si chiude un ciclo. 
Solo per motivi di ordine pubblico, e non certo per mancanza di passione o di impegno, in quanto le dimensioni dell'evento, con onestà, non possono più essere gestite dalla più piccola delle associazioni setine come Setina Civitas. È necessario ripensare l'evento che merita di sicuro uno spazio più grande per accogliere tutti gli appassionati di Fabrizio De André, e quindi anche un soggetto organizzatore più complesso in grado di gestire responsabilmente l'evento. Come presidente del Circolo Culturale Setina Civitas non sento per questo di fare un passo indietro, ma solo un atto maturo di responsabilità.
L'obiettivo dell'evento stava tutto nella domanda: "Quante persone a Sezze sentono la nostra stessa esigenza di far rivivere l'opera di Fabrizio De André?" Tante, tantissime. Ora lo sappiamo.
Siamo così tanti che se tutti "soffiassimo" insieme nella stessa direzione, anche il cielo più grigio e carico di "nuvole" tornerebbe presto ad essere azzurro.  
"Tutti insieme" è stata la formula magica con cui abbiamo realizzato le dieci edizioni del Tributo.


Sezze, 28 dicembre 2011

Nasce la "Passeggiata Fabrizio De André"

Con delibera n° 204 del 23 dicembre 2011 l'Amministrazione Comunale di Sezze, vista la petizione del Circolo Culturale Setina Civitas sottoscritta da 280 cittadini, intitola il marciapiede che abbraccia il Parco della Rimembranza al cantautore genovese Fabrizio De André scomparso l'undici gennaio del 1999. In uno dei luoghi più belli e frequentati della nostra città nasce dunque la "Passeggiata Fabrizio De André"


Sezze, 23 marzo 2011

Habemus documentario: “Sezze, sulle tracce di Ercole” 

pronto grazie a un atto di responsabilità e di buon senso

Dopo sei mesi di attesa, il Comune di Sezze come produttore ed il Circolo Culturale Setina Civitas come realizzatore hanno trovato un accordo per far uscire, forse ancora in tempo per la 42a sagra del carciofo in calendario per il 10 di aprile, il DVD del film documentario “Sezze, sulle tracce di Ercole” diretto da Giancarlo Lofferelli, girato da Pietro Paletta e fortemente voluto dal consigliere comunale Ernesto Di Pastina. Un atto di responsabilità e di buon senso per dare al paese un’importante strumento di promozione turistica e allo stesso tempo di conoscenza delle territorio.

In appena 22 minuti, pieni zeppi di immagini straordinarie, nel documentario si racconta con grande maestria tutta la storia dell’antica città di Sezze con le sue origini romane, con i suoi palazzi storici, le chiese monumentali, i suoi personaggi celebri, gli eventi più importanti della tradizione e i panorami mozzafiato sui monti Lepini e sulla pianura Pontina.

Nel settembre del 2010 il film è stato proiettato in pubblico davanti a più di settecento persone che hanno gremito il centro sociale “Ubaldo Calabresi” alla presenza del sindaco di Sezze e dell’assessore al turismo della Regione Lazio molto soddisfatti dell’opera.

Con questo documentario Setina Civitas completa un percorso di ricerca e di studio iniziato nel 2000 con la realizzazione del sito internet “www.setino.it” curato da Ignazio Romano. Percorso arrivato nel 2010 alla pubblicazione del libro “La Cornucopia, il tesoro di Sezze” scritto da Arianna Bernasconi. Progetti in cui è evidente l’obiettivo dell’associazione di promuovere la cultura di Sezze, di valorizzare i tesori custoditi su tutto il territorio comunale e diffondere tutte le informazioni con ogni mezzo disponibile.

Setina Civitas, giunta al suo decimo anno di attività, sostiene fortemente che ogni immagine, ogni fotogramma girato su questo territorio, tutti gli scatti fotografici ed ogni documento e informazione che parlano della città, così come ogni evento e momento pubblico che si realizza a Sezze sono patrimonio della comunità setina. Chiunque promuove la cultura di questo territorio ha il dovere di conservarla per lo sviluppo locale e per il bene comune.

Per questo, come è accaduto con la realizzazione del documentario, tutti gli amici del Circolo Culturale Setina Civitas hanno svolto un compito importante: condividendo e sostenendo le idee e i progetti messi in essere dall’associazione, attraverso una preziosa azione di collante sociale, hanno curato le proprie cose senza mai trascurare quelle della comunità, e in nessun caso hanno risolto questioni private occupandosi di quelle pubbliche.


Sezze, 10 febbraio 2011

Sezze ha smarrito le tracce di Ercole...  e non solo quelle

In molti ci chiedono che fine ha fatto il Film - documentario "Sezze, sulle tracce di Ercole" che sarebbe dovuto uscire in DVD.  L'opera è stata presentata al paese a settembre 2010 nell'anfiteatro del Centro Sociale "U.Calabresi" gremito di gente e alla presenza del Sindaco Andrea Campoli, dell'Assessore al Turismo e Marketing della Regione Lazio Stefano Zappalà e del Presidente dell'Astral Titta Giorgi.

Setina Civitas lo ha consegnato al Comune di Sezze nel mese di ottobre 2010 e da allora una serie di ingiustificati ritardi lo tengono dentro il cassetto del Dirigente Francesco Petrianni che, disattendendo tutti gli accordi presi, intende vendere il DVD e privare Setina Civitas di tutti i diritti sull'opera. Questo è inaccettabile ed illegale, quindi ho deciso di prendere le dovute distanze presentando al Sindaco di Sezze la lettera che segue.

protocollo n°3451 del 10 febbraio 2011

Al Sindaco di Sezze Dr. Andrea Campoli

Oggetto:  Documentario “SEZZE, sulle tracce di Ercole”

Replica alla lettera del Comune di Sezze del 31/01/2011 Prot. 0002563    

Io sottoscritto, Ignazio Romano, Presidente del Circolo Culturale Setina Civitas, in risposta alla lettera del Comune di Sezze del 31/01/2011 - Prot. 0002563 - in cui il Dirigente Affari Generali Dott. Francesco Petrianni comunica che sta per essere predisposta la liquidazione del saldo per la realizzazione del documentario “SEZZE, sulle tracce di Ercole”

preciso quanto segue:

-         I punti arbitrariamente riportate dal Dirigente nella lettera Prot. 0002563 risultano difformi dagli accordi precedentemente presi (vedi allegato A - Proposta di Realizzazione Documentario del 26/01/2009 Prot 0001759;  allegato B - Determina settore Affari Generali del 17/09/2009 n. 1182). Infatti sulla lettera di proposta dell’opera, in seguito accettata dall’Ente Comunale con la determina n. 1182, viene espressamente riportato: “Setina Civitas si riserva tutti i diritti di riproduzione anche parziale dell’opera in oggetto.”

-         Quanto affermato dal Dirigente è in contrasto con le norme vigenti in materia di deleghe, come quelle acquisite dal Circolo Culturale Setina Civitas per la realizzazione dell’opera in oggetto. Infatti su tutte le autorizzazioni rilasciate per girare ed utilizzare le riprese del documentario si precisa che: “Le immagini saranno utilizzate solo dai suddetti (Setina Civitas e Pietro Paletta) per realizzazioni video di loro competenza, non cedibili quindi a terzi per altre attività o iniziative simili.” Mentre sul documento che Highland Musikarchiv ci ha rilasciato per l’utilizzo delle musiche presenti sull’opera in oggetto si precisa: “Il presente documento non può essere trasferito ad altre persone o società.” Infine sulla lettera di consegna del DVD del 25 otobre 2010, firmato per accettazione da Bruno Cardarello, si ribadisce che: “Setina Civitas detiene tutti i diritti per la riproduzione del film che comunque non potrà avere un prezzo imposto ma dovrà essere distribuito solo in forma gratuita.”

Certo di essere stato chiaro ed esaustivo sulla impossibilità di cedere diritti che Setina Civitas ha acquisito solo in forma di delega, e sull’impossibilità che l’opera possa essere distribuita imponendo un prezzo (cosa tra l’altro molto singolare per un Ente pubblico) declino ogni responsabilità derivante da un utilizzo non concordato e improprio dell’opera in oggetto.

Confido nel Vostro buon senso nel non far deteriorare una situazione che espone il Comune di Sezze al ridicolo ed a eventuali azioni legali.


In allegato produco le fotocopie di:

a-     Lettera proposta dell’opera Prot. 0001759

b-     Determina n. 1182 con cui la proposta è stata accettata

c-     Autorizzazione tipo, utilizzate per le deleghe

d-     Documento per l’utilizzo delle musiche

e-     Lettera difforme Prot. 00022563

f-       Lettera consegna DVD

 

Il Presidente del Circolo Culturale Setina Civitas

Ignazio Romano  


Sezze, 28 novembre 2010

Il Portale compie 10 anni

Sono passati ben 10 anni da quel 28 novembre del 2000 quando Setino.it è entrato a far parte del web. In un tempo in cui nella grande ragnatela mondiale Sezze era rappresentata solo da pochissime realtà, il Portale fotografico Setino si è distinto fin dal principio mostrando a tutti l'immagine di sezze nella sua veste migliore.


Sezze, 23 settembre 2010

Formalizzate due lettere per il Sindaco

Il Circolo Culturale Setina Civitas ha formalizzato due lettere per il Sindaco di Sezze Andrea Campoli di cui si riporta integralmente il testo:

> PRIMA LETTERA

Il Circolo Culturale Setina Civitas propone di intitolare la sede della Consulta delle Associazioni a Lino De Angelis.

Per il tempo, l’impegno e la passione che il compianto Amico, Consigliere Comunale e Cittadino di Sezze ha dedicato al mondo dell’associazionismo.

 

La proposta è quella di apporre, con cerimonia pubblica, vicino alla porta del secondo piano dello stabile sito nel Centro Sociale U. Calabresi che per tre anni ha ospitato le riunioni della Consulta delle Associazioni una targa riportante lo stemma comunale e la dicitura:

 

“Sala LINO DE ANGELIS”

Sede della CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI di SEZZE

 

Previo consenso dei familiari e certo di accogliere la Sua approvazione, quella unanime del Consiglio Comunale, il favore di tutte le Associazioni e quello della Città di Sezze.

> SECONDA LETTERA

Il Circolo Culturale Setina Civitas, al fine di arginare il degrado civico e dare alla comunità setina nuovi punti di riferimento culturale, intende riportare alla attenzione pubblica (dal primo cittadino all’Amministrazione Comunale, fino a raggiungere tutti gli abitanti di Sezze attraverso i mezzi di comunicazioni a nostra disposizione) l’importanza chiave di alcuni progetti in cui Setina Civitas si è particolarmente impegnata ma che ancora non hanno avuto piena attuazione.

 

Di seguito riportiamo l’elenco di tali progetti che, secondo noi, sono in grado di riaprire le sorti culturali della comunità setina e per i quali chiediamo la massima attenzione di tutti a cominciare dall’Amministrazione Comunale che ha il dovere di promuoverne l’attuazione.

 

Elenco dei progetti:

a- La Città dei Giovani

b- Riqualificazione della Via Setina

c- Consulta delle Associazioni


Sezze, 10 settembre 2010

Un successo... sulle tracce di Ercole

Nella sera più dolce ed attesa dell'estate setina 2010, è stato presentato in anteprima il film documentario "SEZZE - sulle tracce di Ercole" realizzato con passione e competenza dall’Associazione Culturale “Setina Civitas” su incarico del Comune di Sezze.

Alla presenza del Sindaco Andrea Campoli, dell'Assessore al Turismo e Marketing della Regione Lazio Stefano Zappalà e del Presidente dell'Astral Giovan Battista Giorgi, l'anfiteatro del Centro Sociale "U.Calabresi" gremito da amici e concittadini come accade solo nelle grandi occasioni, ha accolto positivamente con numerosi applausi e commenti favorevoli la proiezione del film.

A fine serata tutti soddisfati, dagli organizzatori, agli amministratori comunali, al cast di produzione  premiato con una targa ricordo. 

Dopo il film dal lungo intervento di Stefano Zappalà è arrivato l'elogio ed anche l'incoraggiamento a continuare sulla strada della valorizzazione locale, mentre nelle parole di Andrea Campoli si è capita la soddisfazione per la riuscita del progetto, per nulla scontato, affidato alle persone giuste.

Ora tutti attendono di avere una copia del film, e a tal proposito informiamo che a breve il cofanetto contenente il DVD dell'opera verrà distribuito dall'Amministrazione Comunale esclusivamente in forma gratuita. 


Sezze, 7 aprile 2010

Presentazione del film "SEZZE - sulle tracce di Ercole"

Setina Civitas continua il suo percorso culturale realizzando il secondo progetto del 2010 di promozione territoriali attraverso l'immagine.

Con il contributo economico del Comune di Sezze, il Circolo Culturale Setina Civitas è stato incaricato di realizzare un film documentario di promozione turistica.

Il progetto prevede la realizzazione di un filmato in cui vengono raccontati, in modo veloce e dinamico, gli aspetti più importanti e affascinanti del più grande centro abitato dei Monti Lepini. Per la realizzazione dell’opera, Setina Civitas si avvale della collaborazione di figure professionali locali: 

Giancarlo Loffarelli per la sceneggiatura e la regia; Pietro Paletta per le riprese video il montaggio e la sonorizzazione; Ignazio Romano per la fotografia; Arianna Bernasconi per il coordinamento della produzione; Joseph Leonard Mancini per la traduzione in lingua inglese; Marco Abbenda per la grafica.


Sezze, 19 febbraio 2010

Polo Culturale intitolato a Fabrizio De André

Lettera al Sindaco di Sezze, Andrea Campoli

Il Circolo Culturale Setina Civitas, che tra le diverse iniziative culturali da otto anni organizza a Sezze il “Tributo a Fabrizio De André”, propone di intitolare il futuro Polo Culturale, che dovrà trasformare gli storici palazzi Pitti e Rapini in un centro di produzione di musica popolare, a Fabrizio De André (Genova, 18 febbraio 1940 – Milano, 11 gennaio 1999) dando vita così al “Polo Culturale Fabrizio De André”.

In linea con quanto richiesto dal progetto approvato e finanziato dalla Regione Lazio, che intende far nascere un Grande attrattore culturale sul principale paese dei monti Lepini, intitolare la nuova struttura al cantautore genovese, che è stato anche uno degli artisti che maggiormente ha valorizzato la lingua ligure ed esplorato, in misura minore, il sardo gallurese ed il napoletano, ci sembra l’idea più appropriata per rispondere all’esigenza di dare visibilità al futuro Polo  Culturale che verrà diretto da Ambrogio Sparagna.


Sezze, 10 febbraio 2010

Progetti che si realizzano - il libro

Dopo aver realizzato l'ottava edizione del tradizionale Tributo a Fabrizio De André, il Circolo Culturale Setina Civitas, che mantiene inalterato il direttivo eletto nel 2008, affronta due ambiziosi progetti che l'associazione ha in animo di realizzare da molto tempo. Il primo vedrà la luce il prossimo 7 marzo quando, in occasione della Festa del donatore della Sezione AVIS di Sezze, verrà presentato il libro - La Cornucopia - fortemente voluto e finanziato dal presidente dell'ASTRAL, Titta Giorgi.

Sul secondo progetto l'associazione sta ancora lavorando e mantiene il massimo riservo, ma sarà anche questo un lavoro rivolto a promuovere il territorio di Sezze e la sua storia.

Presentazione del libro "La Cornucopia: il tesoro di Sezze"

La città di Sezze, l’antica Setia dei Romani, vanta un passato che si perde nella notte dei tempi, infatti sul suo territorio sono presenti preziosi reperti della preistoria neanderthaliana, del Paleolitico Superiore, del Mesolitico, del Neolitico, dell’Età dei Metalli e della storia vera e propria fino ai nostri giorni. È un “continuum” temporale straordinario per la ricchezza dei siti archeologici, per vicende storiche notevoli, per la presenza di uomini così importanti da aver lasciato una profonda e valida testimonianza. A Sezze ancora si può ammirare quanto prodotto dalle civiltà passate, spesso remote: dal celebre dipinto schematico rupestre raffigurante un uomo a fi del Mesolitico, ai suggestivi graffiti a carboncino del Riparo Roberto, agli utensili del Medio Bronzo rinvenuti nella grotta Vittorio Vecchi. I segni e i monumenti della civiltà romana sono molto numerosi e risalenti ad un arco di tempo compreso tra il V secolo a. C. fino alla caduta dell’Impero Romano.

Le presenze artistiche ed architettoniche del Medioevo sono così rilevanti da incontrarsi con frequenza in tutto il centro storico. Anche esempi di edifici rinascimentali, barocchi e neoclassici sono parte importante dell’architettura e dell’urbanistica di Sezze. 

Il turista che si reca a visitare la città di Sezze ed il suo interland non deve aver fretta e soprattutto deve essere preparato a comprendere e ad amare la millenaria storia dell’uomo. La possente cattedrale in stile gotico-cistercense affascina per i suoi robusti pilastri di dura pietra calcarea e per le sue arcate ogivali; le mitiche ed affascinanti mura poligonali del IV secolo a. C. ci riportano a tempi lontani quando i prisci Romani contendevano ai duri Volsci il territorio lepino-pontino; le belle fontane di Piazza de Magistris e di Piazza dei Leoni ci testimoniano l’alto livello di benessere di cui godeva nell’Ottocento la città; i grandi palazzi signorili, le caratteristiche case-torri, le numerose chiese sono una prova tangibile del potere economico-sociale, politico e religioso che esercitava Sezze su tutto il territorio circostante. È quasi naturale che la vetusta città di Sezze abbia dato all’umanità importanti personaggi nei più svariati campi: dalla letteratura, alla pittura, alla scienza, alla religiosità culminante nella santità.

I setini Arianna Bernasconi, Ignazio Romano, Carlo Luigi Abbenda, Vittorio Del Duca con la stampa del presente volume “LA CORNUCOPIA – Il tesoro di Sezze” hanno voluto ripercorrere velocemente, in modo conciso ma chiaro, tutta la millenaria storia di Sezze, come in un antico caleidoscopio, dando al lettore le informazioni necessarie ad apprezzare un patrimonio archeologico e monumentale-architettonico di così alto valore artistico e storico. Le belle e significative illustrazioni, realizzate da Ignazio Romano, rappresentano un importante corredo che impreziosisce il libro. Nello stemma ufficiale del Comune di Sezze, accanto al mitico bianco leone Nemeo (simbolo di forza e purezza) abbiamo una grande cornucopia (il corno dell’abbondanza come lo chiamano i Francesi) ricolma dei beni della terra. Nel libro la cornucopia diventa la metafora della ricchezza culturale di Sezze, colma e straripante com’è di illustri personaggi, di importanti e ricchi musei, di significative presenze archeologiche, ma anche di semplici donne del popolo che con il loro oscuro lavoro quotidiano hanno contribuito alla grandezza della nostra Sezze.

Prof. LUIGI ZACCHEO


Sezze, 30 aprile 2009

Presentato il DVD "Sagra del Carciofo"

Con le interviste al Sindaco, Andrea Campoli, e all'Assessore alla Cultura, Remo Grenga, realizzate lunedì 26 maggio 2008 nelle sale del comune si concludono le riprese del documentario che, attraverso suggestive immagini video e una fotogallery molto accurata, farà rivivere allo spettatore le atmosfere uniche che ogni anno la Sagra del Carciofo offre a migliaia di visitatori. 

L'Amministrazione Comunale con questo lavoro ha voluto realizzare un prodotto per promuovere il principale evento fieristico di Sezze, affidandone la realizzazione ad un cast tutto... setino. Giovedì 16 aprile 2009 si è aperta ufficialmente il programma della 40a edizione della sagra ed alle ore 21,00 l'Auditorium San Michele Arcangelo, stracolmo di gente, c'è stata la prima proiezione del film della durata di 30' dal titolo "Sagra del Carciofo" realizzato da Pietro Paletta e curato dell'Associazione Culturale Setina Civitas. Alla presentazione sono intervenuti il Sindaco Andrea Campoli e l'assessore alle Attività Produttive Sergio Di Raimo. Il DVD dopo la 40a edizione della sagra ha già subito la prima revisione con aggiunta di una intervista a Di Raimo e una sequenza dedicata all'associazione "Noi di Suso".


Sezze, 3 dicembre 2008

Prima uscita del "Karate Do-Setina Civitas" e vittoria

di Christian Capuani
Il karateka setino Carlo Tosto si conferma vincendo per il terzo anno consecutivo la Coppa Italia della federazione Giakam-Csen. Domenica scorsa a Montesilvano (Pescara) il portacolori del team “Karate Do-Setina Civitas” ha conquistato il secondo alloro stagionale dopo il campionato italiano, allungando così la sua striscia vincente a quattro titoli vinti in solo tre anni. Tosto ha concluso al primo posto la gara individuale del “kata” - la disciplina delle forme - e ha permesso alla “Karate Do-Setina Civitas” di guadagnare il sesto posto finale nella classifica per società.
A consegnare la vittoria al karateka setino è stata l’ottima prova nella tecnica “kanku dai”. «Con il jion ho avuto qualche piccolo problema - spiega lui - ma nel kanku dai sono andato benissimo». La Coppa Italia per Carlo Tosto, che pratica il karate da ventuno anni e ha preso parte anche a due campionati del mondo, è una conferma, ma lui non ama considerare i successi come elementi fondamentali del suo curriculum: «Il karate è una via da percorrere - spiega - non un elenco di risultati». In questa disciplina il maestro Tosto, che nella vita fa l’avvocato, ha trovato un strumento di crescita ed educazione del corpo e dell’anima: «Il karate - sottolinea - e lo sport in genere, quando sono concepiti correttamente, costituiscono delle ottime occasioni per fare esperienza e crescere. Prima di tutto portano a rispettare i ritmi naturali, a conoscere i propri limiti e a rispettare gli altri». 


Sezze, 19 settembre 2008

Verbale Assemblea del 18 settembre 2008

Il Circolo Culturale SETINA CIVITAS tiene la riunione ordinaria degli aderenti presso la sede legale di Via Piagge Marine.

Presenti all’assemblea:

Ignazio Romano, Arianna Bernasconi, Fabiano De Angelis, Feliciano Iudicone, Carlo Tosto.

All'unanimità dei soci l’assemblea ha deliberato quanto segue:

a) Revisione e ampliamento dello Statuto del 2001 che, mantenendo fermi i principi e le finalità costitutive del Circolo, prevede l'affiliazione di Setina Civitas allo CSEN, il tesseramento di tutti i soci all'organizzazione nazionale e la costituzione del gruppo "Setina Civitas Team Karate Do - Ginnastica e Fitness” di cui il M° Carlo Tosto sarà Direttore Tecnico e Sportivo. Il gruppo avrà i colori e il logo del Circolo e sarà autogestito nel rispetto dello Statuto di Setina Civitas.

 

b) Rinnovo del Direttivo che conferma Ignazio Romano alla carica di Presidente, Arianna Bernasconi a quella di Segretario ed elegge Carlo Tosto alla carica di Vice Presidente.

 

c) Approvazione del bilancio 2007/2008.

 

d) Programmazione e attività per il 2009.


Sezze, 2 ottobre 2007

Programma delle attività previste per il 2008

Il circolo culturale è chiamato a rispondere alla richiesta del nuovo assessore alla cultura, Remo Grenga, presentando il preventivo delle attività annuali secondo le direttive della Consulta. Tra le attività  previste il Tributo a Fabrizio De André in programma per il 12 gennaio, la partecipazione alla Sagra del Carciofo nel mese di aprile e la seconda edizione di Oltre il Disagio nel mese di luglio.

Altri progetti sono: La Via Setina - Cineforum 2008 - La Città dei Giovani e l'ultimo progetto, che Setina Civitas sta sviluppando in cooperazione con Legambiente, Agesci, Comunità di Sant'Egidio, Sinistra Giovanile e un gruppo di volontari che tratta il tema dell'integrazione e del Sostegno alle comunità immigrate.


Sezze, 28 luglio 2007

Setina Civitas ospite a Taviano (Lecce)

Una promessa fatta nel luglio 2006 in occasione di "Oltre il Disagio", ricordate? L'Associazione Sportiva Dojo Araschi Taviano, guidata dal Maestro Aldo Garofalo, in quella occasione fu ospite a Sezze. Sono seguiti contatti e scambi culturali con il Sindaco di Taviano e da allora è nata una grande amicizia con Aldo. L'Associazione Sportiva Arashi Taviano per  il 9 di agosto sta allestendo a Taviano, in provincia di Lecce, una manifestazione per celebrare i venti anni di attività. Setina Civitas è ospite e rappresenterà Sezze. Per l'occasione il Sindaco Andrea Campoli ha voluto porgere i suoi saluti alla Città di Taviano con la seguente lettera.

Sezze, 26 luglio 2007          Al Sig. Sindaco del Comune di Taviano, Lecce

Ho appreso dello scambio culturale tra le Associazioni del nostro Comune e quello di Taviano avviato già dallo scorso 2006 con la manifestazione "Oltre il Disagio". Colgo l'occasione per salutare il Sindaco di Taviano e porgere un particolare ringraziamento al Maestra Aldo Garofalo per l'amicizia dimostrata nell'incontro tenutosi a Sezze in occasione della manifestazione "Oltre il Disagio". Mi auguro che il futuro offra altre occasioni di incontro  e di scambio culturale a cominciare dalla manifestazione che si terrà a Taviano il prossimo 9 di agosto. 

Al Circolo Culturale Setina Civitas, che come parte attiva con il suddetto evento ha esaltato il valore della solidarietà, va tutta la mia fiducia.

Cordiali saluti,                               il Sindaco di Sezze  Dr. Andrea Campoli

8 agosto 2007 - scambio culturale Taviano-Sezze


Sezze, 14 giugno 2007

Consuntivo delle attività e programmi

Visto che l’ultimo incontro ufficiale del Circolo risale al 4 gennaio 2007, assemblea in cui sono state riconfermate le cariche sociali, è bene fare il punto della situazione: nonostante il vuoto di incontri che c’è stato il Circolo è rimasto ben presente ed attivo nel paese; dopo l’edizione 2007 del “Tributo a Fabrizio De André” è stato realizzato il “Cineforum 2007” in collaborazione con le associazioni Anjuman e Alia a cui sono stati dedicati numerosi incontri. Contemporaneamente è stato presentato al paese il progetto “La Città dei Giovani” al quale Setina Civitas lavora dal 2004 e che ora si trova nel programma del neoeletto Sindaco. A seguire sono partiti i lavori della Consulta delle Associazioni a cui Setina Civitas ha contribuito fortemente mettendo in pratica le proprie linee guida basate sulla cooperazione. La presenza alla trentottesima Sagra del Carciofo in due punti distinti e con due progetti  onerosi ha impegnato molto il Circolo. Come Presidente, nonostante l’impegno personale che la Consulta richiede, intendo tener fede agli impegni precedentemente presi nei confronti del Circolo, e ritengo importante dare continuità alle attività di Setina Civitas che restano per me  un punto di riferimento costante. Per questo, che coincide con il consuntivo delle attività del primo semestre, chiedo la fiducia dei soci e la realizzazione di un programma di attività.


Sezze, 21 novembre 2006

Nasce la Consulta delle Associazioni

Setina Civitas aderisce alla Consulta delle Associazioni presentando un proprio documento di intenti in cui chiede che venga adottata La Carta dei Valori


Sezze, 24 febbraio 2006                      al Sindaco di Sezze, Lidano Zarra

PRG, le nostre proposte per la  RINASCITA DI SEZZE

In tutta la provincia di Latina, ed in particolare nell’area dei Monti Lepini, cresce la voglia e l’esigenza di riscoprire e rivalutare tesori, fin ora trascurati, che vanno dall’ambiente ai beni culturali. Molte associazioni si interessano alla storia, alle tradizioni e ai prodotti tipici del nostro territorio, consapevoli che tale patrimonio rappresenta un valido volano per l’economia locale. Il Circolo Culturale Setina Civitas, che nel mese di giugno 2004 ha portato all’attenzione dell’opinione pubblica le gravi disattenzioni nei confronti dei siti archeologici di Sezze, denunciando i lavori di scavo abusivi sulla Via Setina (fatti attualmente oggetto d’inchiesta della Procura della Repubblica) intende sottolineare come nel nostro comune da sempre la Storia è stata ignorata. Se ciò che intende realizzare l’amministrazione Zarra, nel redigere il nuovo Prg, è la “RINASCITA” di questa comunità, la materia principale d’interesse va ricercata nella storia di Sezze. Setina Civitas, con la presente, intende “illuminare” lo studio dei tecnici dell’Ufficio di Piano indicando alcune priorità, nella speranza che l’universale sentimento di ciò che è giusto e di buon senso prevalga sull’incomprensibili disinteresse verso il patrimonio pubblico, tra le cause del degradato urbano esistente.

> Sintesi del progetto “Parco Archeologico Setino”

Studio del territorio e mappatura di tutte le ricchezze ambientali e storiche esistenti. Avvio della procedura per individuare i numerosi siti di interesse storico che necessitano del riconoscimento di zone a  vincolo archeologico.

Valorizzazione e ripristino dei siti archeologici con la realizzazione di progetti come quello della Via Setina, da noi presentato a questo Ente Comunale.

Monitoraggio e controllo di tutti i beni e le ricchezze ambientali e culturali esistenti al fine di scoraggiare atti sconsiderati che danneggiano il patrimonio pubblico contravvenendo, oltre alle leggi scritte, a quelle leggi che (lo ripetiamo fino alla nausea) risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di buon senso.

Le principali emergenze del patrimonio archeologico sono: Via Setina, Via dei Templi estesa a tutta la cinta muraria dove sono presenti abusi edilizi d’ogni genere; le ville romane Le Grotte e L’Antoniana situate sulla pedemontana; i siti preistorici dell’Arnalo dei Bufali sulla pedemontana e quelli del Riparo Roberto e Grotta Iolanda in località Casali dove realizzare punti di accoglienza turistica e parchi naturali.

> Sintesi del progetto “Rinascita del centro storico”

Le principali emergenze del centro storico sono quelle legate alla riqualificazione degli edifici pubblici e la loro destinazione per le attività  sociali e culturali; segue la cura degli arredi urbani e la regolamentazione delle insegne pubbliche idonee; il tutto unito al rifacimento della pavimentazione dei vicoli e delle piazze da dove va eliminato l’asfalto; a sostegno di una migliore vivibilità del centro vanno realizzati parcheggi esterni che, limitando allo stretto indispensabile l’accesso agli autoveicoli, decongestioneranno l’abitato. Il tocco finale sarà quello di istituire incentivi per la ristrutturazione, secondo regole precise, delle abitazioni. Inutile sottolineare l’importanza di elementi architettonici tipici come le cimase, i portali in pietra, le bifore, i cortili e le facciate in pietra a vista.

Tutto secondo un processo democratico condiviso garantito dalla divulgazione dei progetti e dalla discussione preventiva degli stessi che solo un organo come la Consulta delle Associazioni può assicurare.


Sezze, 3 febbraio 2006                                                    comunicato stampa

Ufficio di Piano: per Setina Civitas occorre più trasparenza

Setina Civitas entra nel merito dell’istituzione dell’Ufficio di Piano, avvenuta il 15 ottobre 2005 ed ufficializzata nella conferenza stampa tenuta al Comune di Sezze lo scorso 2 febbraio 2006. L’Ufficio, voluto dal Sindaco Lidano Zarra e dal suo vice, Pino Ciarlo, ha già raccolto molti contributi da parte dei cittadini di Sezze interessati al Prg, e Setina Civitas intende ricordare, a quanti meravigliati come Zarra e Ciarlo hanno dichiarato di aver accolto favorevolmente tale e tanta partecipazione, che l’associazione culturale ha presentato all’Ente Comunale progetti ed idee per lo sviluppo- Rinascita di Sezze -e per la riqualificazione del paese già da tempo. Tra tutti il Progetto della Via Setina, che darebbe un impulso determinante al turismo nel paese ed una sostanziale inversione di tendenza nell’interesse istituzionale verso l’archeologia, è stato accantonato da questa amministrazione apparsa in tutt’altre faccende affaccendata. Per chi avesse la memoria corta ricordiamo che nella zona archeologica interessata, che dalla Madonna della Pace va verso la Madonna dell’Appoggio, il Comune di Sezze nel giugno 2004 stava eseguendo lavori abusivi, in seguito fermati dall’intervento dei Vigili Urbani. La pratica è tutt’ora ferma sul tavolo del Prefetto di Latina. Setina Civitas, che non è l’opposizione ma una forza civica-apartitica che lavora nel volontariato per lo sviluppo del paese, sottolinea come nella sua esperienza ha riscontrato una mancanza assoluta di trasparenza nei progetti pubblici che questa amministrazione ha adottato, avvertendo, nei rapporti intercorsi con il Sindaco e con i suoi collaboratori, l’imposizione di un volere calato dall’alto e non l’apertura al dialogo. “Non è stato possibile in alcun modo interagire con questa amministrazione.” ha dichiarato il Presidente Ignazio Romano che ha continuato dicendo: “Rinascita e Partecipazione a Sezze, come dichiarato nella presentazione dell’Ufficio di Piano dal Sindaco, resteranno chimere confinate nei discorsi del politico di turno fin quando non verrà aperto un dialogo democratico con la cittadinanza attiva.” Il rispetto della storia, delle tradizioni e della natura, per Setina Civitas, non è il punto forte della giunta Zarra, ma nonostante tutto il circolo culturale intende perseverare sulla via del dialogo e della cooperazione, come è stato fatto fin ora, con il solo obiettivo di favorire la comunità e non gli interessi di pochi.


Sezze, dicembre 2005                                   

Confermato il direttivo

Nell'ultimo incontro, gli aderenti a Setina Civitas, hanno rinnovato il direttivo confermando le cariche uscenti. Oltre alla programmazione per il primo trimestre 2006, è stato approvato in via definitiva il nuovo Statuto che regolamenterà la vita associativa. Primo impegno, che di consueto apre il nuovo anno, resta confermato sabato 21 gennaio  il Tributo a Fabrizio De André che giunge alla quarta edizione. Per questa manifestazione si contava sul patrocinio dell'ente comunale che invece farà pagare un "affitto" per l'utilizzo dell'auditorium Mario Costa dove si svolgerà l'evento.


Sezze, ottobre 2005                                                         comunicato stampa

Setina Civitas apre il tesseramento 2005/2006

Nel segno della continuità e dell’impegno sociale, il Circolo Culturale Setina Civitas comunica che sono aperte le iscrizioni al circolo, mentre per il mese di dicembre è previsto il rinnovo del direttivo. L’attuale presidente, Ignazio Romano, ricorda come l’ultimo anno di attività è stato caratterizzato da numerose cooperazioni con gli enti e le realtà territoriali più attive. La linea seguita è stata quella di mettere insieme più soggetti, come nel caso del “Coordinamento delle Associazioni Setine”, nel tentativo di dar vita ad un sistema di Democrazia partecipata. Ci si è resi conto che a Sezze c’è ancora bisogno di lavorare molto, in quanto, alle forme di sinergia è l’individualismo la via maggiormente preferita, anche quando si parla di progetti sociali. Modificare questa mentalità e ricostruire in tal senso un tessuto civico fertile sta alla base dello sviluppo culturale ed economico del territorio. Le ricchezze da valorizzare sono quelle ambientali, le testimonianze storiche ed il loro potenziale turistico. Molti di questi temi vengono affrontati sul sito internet del circolo, www.setino.it , dove lo spirito di servizio e la linea di cooperazione sono applicati alla lettera.