Azione Cattolica

 

sabato 7 dicembre 2013 - ore 17,00                                     Centro sociale “Ubaldo Calabresi”
Azione Cattolica Italiana
PARROCCHIE S. MARIA, S. LUCIA, SS. SEBASTIANO E ROCCO SEZZE

presenta il convegno

Chi è il mio prossimo?

Chi è il mio prossimo? Laici e cattolici a confronto sulle povertà a Sezze
L’obiettivo: far nascere a Sezze un osservatorio sulle povertà
Si svolgerà sabato 7 dicembre alle ore 17, presso il Centro sociale “Ubaldo Calabresi” a Sezze, una tavola rotonda dal titolo Chi è il mio prossimo? Mettere la persona al centro a Sezze. L’incontro è promosso dall’Azione cattolica italiana delle parrocchie di Santa Maria, Santa Lucia e Santi Sebastiano e Rocco di Sezze, in occasione della Festa dell’Adesione, che si celebra in tutta Italia l’8 dicembre.
Parteciperanno alla tavola rotonda varie componenti della società civile di Sezze: Luisa Coluzzi della Comunità di Sant’Egidio e Feliciano Iudicone, entrambi impegnati nel volontariato, provenienti da ambito cattolico e laico; Paola Radu dell’associazione Buna Seara in rappresentanza della comunità rumena; un rappresentante delle istituzioni, nella persona dell’assessore ai Servizi sociali del Comune di Sezze, Enzo Eramo. I lavori saranno coordinati da Alessandro Grossi.
«Nell’anno che l’Azione cattolica dedica alla missione, vogliamo rispondere all’invito rivolto più volte in questi mesi da papa Francesco: rimettere al centro la dignità della persona. E vogliamo farlo sul nostro territorio»: a parlare sono i presidenti parrocchiali di Azione cattolica di Sezze. «E vogliamo farlo ponendoci la stessa domanda che nel Vangelo di Luca un dottore della legge pone a Gesù: “Chi è il mio prossimo?”. Chi è il nostro prossimo nella nostra città, a Sezze?» spiegano. «Il nostro obiettivo immediato è dunque confrontarci con tutta la cittadinanza sulla situazione del nostro territorio» spiegano ancora gli organizzatori della tavola rotonda. «Vogliamo capire quali sono i bisogni di chi è a Sezze e vogliamo dare voce alle varie realtà che vivono e operano nel nostro comune. Vorremmo inoltre che questo incontro pubblico fosse un punto di partenza per dare vita a un osservatorio sulle povertà a Sezze, in collaborazione con le varie comunità presenti sul territorio» concludono.


Azione Cattolica Ragazzi
 


 “I CREDIBILISSIMI”

Sabato a Sezze Scalo il Convegno diocesano Giovanissimi di Azione Cattolica. Per l'occasione aperto un sito web a disposizione dei ragazzi

Sabato 22 novembre 2008, nei locali della scuola media di Sezze Scalo, è in programma l'annuale Convegno diocesano per i Giovanissimi di Azione cattolica. 

Tema della giornata, “I CREDIBILISSIMI”: per vivere il Vangelo da Giovanissimi, non da supereroi. «Con questo convegno vorremmo far comprendere ai giovanissimi che la fede non è una questione da supereroi e che il Vangelo è una proposta che il Signore rivolge a ciascuno di noi» spiegano i Vicepresidenti diocesani per il Settore Giovani di Azione cattolica Agnese Zappone e Vincenzo Danieli. «Ogni giovanissimo è chiamato a vivere in pienezza il proprio tempo, secondo lo stile che è proprio dell’Azione Cattolica, e a essere testimone dell’incontro che ha avuto con Gesù in tutti i gli ambienti della propria, attraverso un comportamento fatto di scelte di differenza cristiana, non di dimostrazioni esteriori» aggiungono.

Il convegno avrà inizio alle 16 con la preghiera. Alle 16,30 partiranno invece le attività, che si svolgeranno in 4 stands su cui i ragazzi ruoteranno, divisi in gruppi. Le tematiche affrontate negli stand, con modalità diverse, saranno l’interiorità, la fraternità, la responsabilità e l’ecclesialità, che corrispondono alle 4 parole-chiave del “Progetto formativo” dell’Azione cattolica..«Una scelta fondamentale del convegno – spiegano ancora i vicepresidenti – è stata quella di “tradurre” le idee e i messaggi chiave della giornata in linguaggi vicini al mondo giovanile e quindi immediatamente comprensibili per i ragazzi. Nelle attività saranno utilizzati video, immagini, musica ma, soprattutto, si è pensato di dare spazio ai nostri  ragazzi mettendo a loro disposizione un sito web. Abbiamo comprato il dominio www.icredibilissimi.it,   in cui tutti i giovanissimi (e anche gli educatori, volendo!) dopo il convegno potranno scambiarsi idee, riflessioni, sogni, domande». Un grafico, inoltre, ha disegnato per l’occasione il logo del convegno (che vedete sopra) utilizzando i personaggi di un fumetto. Al termine del convegno ai ragazzi sarà consegnato un adesivo con il logo e l’indirizzo del sito.

«Nel tentativo di proporre ai ragazzi uno stile di vita cristiano “bello e possibile”- dicono ancora Agnese Zappone e Vincenzo Danieli – ci è sembrato importante concludere il convegno con un momento di festa (dopo la cena, offerta dalla diocesi) in cui divertendoci proveremo a fare sintesi di quanto vissuto durante la giornata».


Cinquecento ragazzi di Azione Cattolica “SuPerStrada con Gesù” oggi a Sezze

Sezze, 27 aprile 2008                                                                 Convegno "ChiAmati per strada"

Da tutta la Diocesi di Latina si sono “incontrati” i bambini e i ragazzi dell’ACR per vivere insieme l’annuale Convegno degli Incontri 

“La giornata è stata davvero bella. Il tempo ci ha assistito e le attività dei ragazzi sembrano essere riuscite bene, grazie alla Commissione organizzatrice e alla collaborazione di tutti gli educatori parrocchiali”: è il commento di Laura

Ebanista e Maddalena Falcone, Responsabili diocesane ACR

Sezze, 27 aprile 2008

Circa 500 bambini e ragazzi dai 5 ai 14 anni hanno partecipato oggi a Sezze al

Convegno degli Incontri diocesano dell’Azione Cattolica dei Ragazzi. “ChiAmati per

strada” era il titolo del convegno, che ogni anno in primavera rappresenta un momento di

festa ma, soprattutto, di incontro e scambio tra gli accierrini di tutta la diocesi. E quest’anno

l’incontro è avvenuto in una “stazione ferroviaria virtuale”, messa a punto dagli educatori

dei ragazzi a Porta Pascibella, a Sezze. L’ambientazione del convegno era infatti una

stazione, luogo privilegiato per incontri, scambi e conoscenze. E all’interno di questa

“stazione”, i ragazzi questa mattina hanno incontrato – attraverso gli stands allestiti sulla

piazza – alcuni “testimoni”, che hanno dato loro modo di capire cosa significa

concretamente “incontrare l’altro”. Due membri dell'UNITALSI hanno raccontato ai ragazzi

la loro esperienza di Amore come atteggiamento per l’incontro con gli altri, e in particolare

con i malati, attraverso delle foto e il racconto di esperienze significative avvenute durante il

loro servizio. Due rifugiati politici che attualmente vivono a Sezze hanno testimoniato

l’Accoglienza ricevuta in una terra straniera in una situazione di difficoltà. Due clown della

Fondazione “Theodora”, che ha l’obiettivo di portare momenti di spensieratezza ai bambini

ricoverati in ospedale, hanno fatto fare esperienza concreta ai ragazzi di come il Sorriso

possa essere una terapia per quelle situazioni in cui regnano la tristezza, la sofferenza, il

dolore. I genitori dei ragazzi hanno “viaggiato” parallelamente ai loro figli attraverso

un’attività articolata sugli stessi temi e guidati dai membri della nuova Presidenza diocesana

di Azione Cattolica. I testimoni incontrati dai genitori sono stati: una coppia responsabile di

una casa famiglia, un membro della già citata Fondazione “Theodora”, due membri

dell’Associazione “Carletto” che si occupa di un servizio di mensa per i poveri, un giovane

nigeriano che ha raccontato del suo arrivo in Italia e dell'accoglienza ricevuta. Dopo il

pranzo, tutti insieme – genitori e ragazzi – hanno ballato e cantato sulle note di

“SuPerStrada con te”, l’inno che accompagna quest’anno i ragazzi dell’ACR di tutta Italia.

Il momento di festa e animazione è stato guidato dai Giovanissimi di Azione Cattolica delle

parrocchie di Sezze. La Santa Messa è stata celebrata alle 15 al Centro Sociale

“U.Calabresi” dall’Assistente diocesano dell’ACR don Gianmarco Falcone e concelebrata

dall’Assistente Generale diocesano di Azione Cattolica don Enrico Scaccia. Al termine della

celebrazione, che ha concluso la giornata, “Gesù-Capo stazione” ha dato il fischio ai

ragazzi, per iniziare il viaggio della vita quotidiana, ricchi di quegli atteggiamenti che ci

permettono di incontrare il prossimo: amore, speranza, gioia, accoglienza,.... Durante il

convegno, i ragazzi hanno ricevuto anche la “visita” del Sindaco di Sezze Andrea Campoli e

dell’Assessore alle Politiche Giovanili Remo Grenga. Un’attenzione particolare è stata

inoltre mostrata nei confronti dell’ambiente, attraverso la raccolta differenziata dei rifiuti

realizzata dai ragazzi al termine del convegno. “La giornata è stata davvero bella”

affermano le responsabili diocesane ACR Laura Ebanista e Maddalena Falcone. “Il tempo ci

ha assistito e le attività dei ragazzi sembrano essere riuscite bene – aggiungono –, grazie alla

commissione organizzatrice e alla collaborazione di tutti gli educatori parrocchiali. Molto

belle le testimonianze sia per i ragazzi che per i genitori”. “Anche a livello organizzativo –

concludono – tutto ha filato liscio. E quindi non possiamo che dirci soddisfatte”.

Per informazioni e contatti: Ada Serra  ada.serra@libero.it  cell. 333/2216606